IL LASERTAG

SONY DSC


Settore Lasertag

Un universo sempre più ampio
entra in gioco il lasertag

La nostra solida struttura ed i molti riconoscimenti ottenuti in questi anni hanno spinto il Direttivo Federale ad occuparsi anche del settore Laser Tag oltre che Soft Air, due discipline sportive molto simili tra loro, basate sulla simulazione non violenta di giochi tattici, che si differenziano solamente per l’uso di repliche con sistemi differenti di marcatura.

Il Laser Tag è una modalità di gioco innovativa, che usa gli stessi strumenti (air soft gun) impiegati nel soft air, ma anziché espellere un pallino, tramite l´applicazione di un congegno elettronico (An-Peq) e di un proiettore, espelle un raggio infrarosso totalmente innocuo per i giocatori.
Ogni giocatore impegnato in questa attività, oltre ad essere munito di una asg laser tag, (Infra RedTag) deve indossare sul proprio copricapo 4 sensori facilmente applicabili, uno frontale, due laterali e uno sul retro per consentire una copertura adeguata a 360° in ricezione.
Questi sensori sono collegati tra loro e comunicano con l´IRG (Infra Red Tag) tramite un cavo elastico o un sistema wireless. Quando il raggio infrarosso colpisce uno dei sensori, il circuito elettronico elabora l´informazione ricevuta e reagisce di conseguenza, segnalando in maniera inequivocabile il colpo ricevuto. Il giocatore viene eliminato, la sua asg viene disattivata e resa inoffensiva fino alla riattivazione con l’inizio del gioco successivo, dal giocatore stesso o da un arbitro in caso si tratti di una manifestazione agonistica.
Questo metodo di marcatura, a differenza del soft air, dove chi viene colpito da un pallino si deve “auto dichiarare”, è totalmente indipendente e slegato dalla lealtà personale del giocatore e quindi lo rende meno aleatorio.

Con il tempo, grazie al miglioramento delle componenti elettroniche, sono state inserite funzioni migliorative del sistema di marcatura Infra Red Tag. Ad esempio l’emissione di un “sibilo” nel caso in cui i colpi non andati a segno passino nelle vicinanze dei sensori. Questa funzione mette in allarme il giocatore sotto tiro movimentando la dinamica del gioco.

Sempre grazie alle componenti elettroniche è stato possibile calibrare il potere d´arresto in maniera proporzionata al calibro dello strumento usato, tenendo conto anche di eventuali protezioni (body armor ed elmetto) indossate dal giocatore, che può così usufruire di un aumento dei “punti vita”